Crösèra e centro storico (Darzo)

Crösèra indica l’incrocio delle strade di fronte alla chiesa parrocchiale di Darzo, eretta a metà del Settecento. Il toponimo è citato già in una compravendita del 1588 (“all’Incroxera”). Qui sorgeva il capitello dei SS. Antonio abate e Sebastiano, eretto nel 1427 e citato negli Statuti della comunità del 1534. Davanti ad esso i consoli riunivano l’adunanza generale dei capifamiglia (assemblea di régola). Nel 1830 il capitello fu spostato ai margini della piazza centrale del paese dove oggi si trova.

fotografia darzop

Il nome del paese compare una prima volta in un documento del 1085, ma negli archivi locali diventa frequente soltanto nel secolo XV nelle forme Dartio, Darzio o Darcio. 
L’antica comunità, sorta nel contesto feudale della giurisdizione dei Lodron, ebbe i suoi primi Statuti 1445, quando i vicini feudatari investirono i capifamiglia del paese e alcuni mercenari di una parte del territorio del loro feudo verso il giuramento dell’assoluta fedeltà ai signori e del versamento delle decime e collette. 
In passato l’antico centro storico sorgeva più a nord di adesso e faceva riferimento alla chiesa di S. Michele, ricordata negli Atti della visita pastorale del 1537, che ne sottolineano la preesistenza. Oggi il centro del paese è Piazza XVI Reggimento Artiglieria, che divide il Paés de Sura dal Paés de Sóta. 
A partire dalla fine dell’Ottocento Darzo fu un importante centro minerario che sfruttò i giacimenti di barite della montagna sovrastante. La lavorazione del materiale e il suo trasporto favorirono a metà del Novecento un intenso sviluppo artigianale e dei trasporti. Il paese fu occupato dai Corpi Franchi nel 1848, quindi dai Garibaldini nell’estate del 1866 (il Generale tenne per un giorno il quartiere generale in casa Donati Andrée) e dalle truppe italiane a fine maggio del 1915. Durante il primo conflitto mondiale non venne evacuato e la popolazione convisse con i soldati nella prima retrovia del fronte. L'abitato fu colpito dall’artiglieria austriaca soltanto con una bomba che il 10 luglio 1918 cadde sulla casa di Pietro Marini Pieri de Sura. 

La Crösèra

Piazza XVI Artiglieria

La Casa Sociale

 

Testi elaborati dall'associazione Il Chiese, materiale fotografico fornito da Lodron Fotoclub

Tipologia di luogo
Frazione
Collocazione geografica

Come arrivare

Martedì, 01 Luglio 2014 - Ultima modifica: Mercoledì, 22 Ottobre 2014

Questionario di valutazione

Inserisci il codice di sicurezza che vedi nell'immagine per proteggere il sito dallo spam

© 2019 Comune di Storo powered by ComunWEB con il supporto di OpenContent Scarl